L’ Apostolato della preghiera


 

ADP

 

S.Cuore

MADONNA DELLE TRE MANI

Nell'anno 1716 il venerabile Giovanni Damaskin fu accusato ingiustamente davanti a califfo. Questo per punizione ordinò che venisse tagliata la mano destra al povero Giovanni, e che venisse appesa nella piazza della città come monito per tutti. Givanni soffriva tanto e chiese al califfo di consegnargli la mano tagliata, e il califfo acconsentì. Giovanni si chiuse nella sua camera, pose l'arto tagliato al suo posto e pregò.
La leggenda dice che Giovanni per la gioia scrisse il famoso canto, per esprimere il suo amore verso la Madre di Dio, che comincia con le parole: "Per te si rallegra, o Piena di grazia, ogni creatura.". Dopo un po' di tempo Giovanni andò in monastero e fu ordinato monaco. Sempre portò con se l'icona miracolosa e a memoria della sua guarigione costruì ed attaccò sotto l'immagine una mano d'argento.
In seguito il monastero regalò l'icona all'arcivescovo di Serbia, Saul. E qui si registra un altro evento prodigioso. Durante l'invasione dei turchi in Serbia, i fedeli cristiani cercarono di salvare la santa immagine dallo scempio dei nemici. Ma l'unica soluzione fu di porre l'icona su un asino, nella speranza che sfuggisse alla mano turca. Così l'asino da solo, vagò fino ad arrivare al Monte Athos dove si fermò davanti al monastero Hilendarsij. I monaci presero l'icona e la posero nella chiesa del monastero. Una volta i monaci fecero discussione su chi doveva diventare parroco e la Madre di Dio fece un segno che Lei stessa doveva prendere il posto di parroco, allora la Sua santa icona fu portata sul posto di superiore nella chiesa. D'allora nel monastero Hilendarsij si elegge solo il vicario e i monaci, secondo la tradizione, ricevono la benedizione direttamente dall'icona.
L'icona corrisponde al tipo iconografico "Odighitria". La Madre di Dio è rappresentata frontalmente con la testa leggermente chinata verso il Bambino. I lembi della veste si aprono in due sul petto facendo vedere il "chitone". Il Bambino è sostenuto dalla mano sinistra della Vergine, mentre la mano destra indica il Figlio invitando alla sua venerazione.
Il tipo iconografico "Odighitria" (Che mostra la via): Le figure sono dure, le teste di Cristo e della Vergine sono decisamente staccate, la Santa Madre di Dio è sempre rappresentata con la mano destra che indica Gesù Bambino che si siede sulla sua mano sinistra, come se la Madonna dicesse agli uomini che la vera strada è la strada verso Cristo. Questa icona è come una guida verso Dio e verso la salvezza eterna. È una delle più antiche immagini della Madre di Dio, si pensa che la prima Odighitria sia stata scritta dal primo iconografo della storia: San Luca evangelista.

MADONNA DELLE TRE MANI.
Preghiera scritta da padre Antonio Sanna.

Madre; icona dal tenero volto;
Madre, dalle mani protese verso tuo Figlio;
mani che sorreggono il Cristo benedicente.
Madre, dalle mani immacolate;
mani che hanno accolto il bambino Gesù;
mani che hanno asciugato il volto del Crocifisso;
mani materne donateci da Gesù agonizzante:
“figlio ecco tua Madre; Donna ecco tuo figlio”.

Donami mani congiunte in fiduciosa preghiera;
mani imploranti pietà e misericordia;
mani disposte ad abbracciare tutti con amore;
mani pronte a compiere il bene ed evitare il male;
mani sensibili alla gioia e all'altrui dolore.

Madre, onnipotente per grazia,
ottienimi la protezione delle tre Divine persone.
Mani di mamma, custodiscimi in terra,
accoglimi benigna quando, pellegrino,
busserò alla porta del cielo. Amen.

 

Preghiera per la rifondazione dell’Apostolato della Preghiera

Padre, Signore del cielo e della terra,
circa 160 anni fa
hai dato vita ad una fiamma
che si è diffusa in tutto il mondo.
Uomini e donne
Si sono entusiasmati per la diffusione della tua Buona Novella,
per annunciare il tuo Vangelo di amore a tutta l’umanità.
Hai fatto di loro degli Apostoli attraverso la preghiera.
Li hai messi a servire
La missione della Chiesa
Nel cuore del mondo.
Ancora oggi l’Apostolato della Preghiera
Unito profondamente al Cuore di Gesù, il tuo figlio amato,
vuole rispondere alla sete spirituale
dei nostri fratelli e sorelle in tutto il mondo.
Prendi, Signore, e ricevi la nostra vita.
Rendici docili al tuo Spirito.
Fa che la missione mondiale di preghiera
che tu hai affidato a noi
porti la tua presenza amorevole
oggi come ieri
nel profondo del cuore dell’umanità.

(Preghiera scritta in occasione della riunione mondiale dell'Ad.P)

 

 

CORONCINA DEL S. CUORE DI GESU'

V) O Dio vieni a salvarmi.
R) Signore vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre...
Amorosissimo mio Gesù, al riflettere sul tuo buon Cuore e vederlo tutto pietà e dolcezza per i peccatori, mi sento rallegrare il mio, e colmare di fiducia di essere da te bene accolto. Ahimè: quanti peccati ho commesso! Ma ora, come l'Apostolo Pietro e la Maddalena dolente, li piango e detesto, perché sono offesa di te sommo bene. Sì, sì: concedimi il perdono; ed oh! muoia io, te lo chiedo per il tuo buon Cuore, muoia prima che offenderti e viva solo per amarti.
Pater, cinque Gloria… Dolce Cuor del mio Gesù, Fa ch'io t'ami sempre più.
Benedico, Gesù mio, l'umilissimo tuo Cuore, e ti ringrazio che, nel darmelo per esemplare, non solo con forti premure mi ecciti ad imitarlo, ma a costo pure di tante tue umiliazioni me ne insegni ed appiani la via. Stolto che fui ed ingrato! Ah, quanto sbagliai! Perdonami. Non più superbia e vanità, ma con umil cuore tra le umiliazioni seguire voglio te, e ottenere pace e salute. Avvalorami tu, e benedirò in eterno il tuo Cuore.
Pater, cinque Gloria… Dolce Cuor del mio Gesù, Fa ch'io t'ami sempre più.
Ammiro, Gesù mio il pazientissimo tuo Cuore, e ti ringrazio di tanti meravigliosi esempi di grande sofferenza a me lasciati. Mi dispiace che inutilmente mi rimproverano la mia delicatezza, insofferente d'ogni più piccola pena. Ah! Gesù mio caro, infondi nel mio cuore un fervido e costante amore alle tribolazioni, alle croci, alla mortificazione, alla penitenza, perché, seguendoti al Calvario, giunga con te alla gloria in Paradiso..
Pater, cinque Gloria… Dolce Cuor del mio Gesù, Fa ch'io t'ami sempre più.
Innanzi al mansuetissimo tuo Cuore, o buon Gesù, io mi vergogno del mio così diverso dal tuo. Purtroppo io a un'ombra, a un gesto, a una parola che mi contraria, m'inquieto e mi lamento. Deh! perdona le mie mancanze, e dammi grazia d'imitare nell'avvenire in qualunque contrarietà l'inalterabile tua mansuetudine, e così godere perpetua, santa pace.
Pater, cinque Gloria… Dolce Cuor del mio Gesù, Fa ch'io t'ami sempre più.
Si cantino pur lodi, o Gesù, al generosissimo tuo Cuore, vincitore della morte e dell'inferno, che giustamente le merita tutte. Io resto più che mai confuso al vedere il mio sì gretto, che teme di qualunque diceria e umano rispetto. Ma non sarà più così. Da te imploro sì coraggiosa forza, che, combattendo e vincendo in terra, trionfi poi lieto con te in cielo.
Pater, cinque Gloria… Dolce Cuor del mio Gesù, Fa ch'io t'ami sempre più.

Preghiera al S. Cuore di Maria

Per gli alti pregi del tuo Cuore dolcissimo impetrami, o gran Madre di Dio, e Madre mia, Maria, vera e stabile devozione al Sacro Cuore di Gesù, tuo Figliuolo, affinché io, in esso coi miei pensieri ed affetti racchiuso, adempia tutti i miei doveri, e con alacrità di cuore serva sempre, ma specialmente in questo giorno (in questo mese), a Gesù.

 

S.margherita

PREGHIERA DI SANTA MARGHERITA M. ALACOQUE

Cuore amoroso del mio Gesù

Pongo tutta la mia confidenza in te, perché

temo tutto dalla mia malizia e debolezza, ma

spero tutto dalla tua bontà.

Consuma dunque in me quanto può dispiacerti o

resisterti; il tuo puro amore s'imprima così

profondamente nel mio cuore, che non ti possa

scordare o essere da te separato.

Ti scongiuro, per la tua bontà, di concedermi

che il mio nome sia scritto in te, poiché voglio

far consistere tutta la mia felicità e la mia gloria

nel vivere e morire nel tuo amore.

Amen

San claudioPREGHIERA DI SAN CLAUDIO LA COLOMBIERE

La preghiera della fiducia

Mio Signore e Dio, io sono così convinto che Tu hai cura di tutti quelli che sperano in Te e che niente può mancare a coloro che aspettano tutto da Te, che ho deciso per l'avvenire, di vivere senza alcuna preoccupazione e di riversare su di Te ogni mia inquietudine. Gli uomini possono spogliarmi di tutti i beni e del mio stesso onore, le malattie possono privarmi delle forze e dei mezzi per servirti, col peccato posso perdere perfino la tua grazia, ma non perderò mai e poi mai la mia fiducia in Te.

La conserverò fino all'estremo della mia vita e il demonio, con tutti i suoi sforzi, non riuscirà a strapparmela. Altri aspettino pure la loro felicità dalle ricchezze e dal loro impegno, facciano anche affidamento sulla innocenza della loro vita, sui rigori delle loro penitenze, sulla quantità delle loro opere buone o sul fervore delle loro preghiere; per me tutta la mia fiducia è la mia stessa fiducia; fiducia che non ha mai ingannato nessuno.

Ecco perché ho l'assoluta certezza di essere eternamente felice, perché ho l'incrollabile fiducia di esserlo e perché lo spero unicamente da Te. Per mia triste esperienza, devo purtroppo riconoscere di essere debole e incostante; so quanto le tentazioni possono contro le virtù più affermate; eppure nulla, finché conserverò questa ferma fiducia in Te, potrà spaventarmi; starò al riparo da ogni disgrazia e sarò certo di continuare a sperare, perché spero questa stessa immutabile speranza. Infine, mio Dio, sono intimamente persuaso che non sarà mai troppa la fiducia che ho in Te e che ciò che otterrò da Te, sarà sempre al di sopra di ciò che avrò sperato.

Spero anche, Signore, che Tu mi sorreggerai nelle facili debolezze; mi sosterrai negli assalti più violenti; farai trionfare la mia debolezza sopra i miei più temuti nemici. Ho tanta fiducia che Tu mi amerai sempre e che anche io, a mia volta, ti amerò per sempre. E per portare al più alto grado questa mia fiducia, o mio Creatore, io spero Te da Te stesso, per il tempo e per l'eternità.

Amen

 

INTENZIONE DI PREGHIERA PER IL MESE DI FEBBRAIO

OFFERTA DELLA GIORNATA

Cuore Divino di Gesù, io ti offro per mezzo del Cuore Immacolato di Maria, madre della Chiesa, in unione al sacrificio eucaristico, le preghiere e le azioni, le gioie e le sofferenze di questo giorno: in riparazione dei peccati, per la salvezza di tutti gli uomini, nella grazia dello Spirito Santo, a gloria del divin Padre. Amen

Per la preghiera

Ricevere il 7 febbraio, primo venerdì del mese, la Comunione in riparazione dei peccati di disprezzo e disattenzione per le persone anziane.

Recitare per la Chiesa, ogni giorno, almeno una decina del Rosario, meditando i misteri Gaudiosi.

Dio è in mezzo a noi, ma sembra che non ce ne accorgiamo nemmeno. E' nei nostri fratelli e in essi vuole essere servito, amato, onorato e ci ricompenserà più per questo che se lo servissimo nella sua stessa persona.
S.Claudio La Colombierè

Intenzioni affidate all'AdP dal Papa e 
dai nostri Vescovi:

Universale -“Perchè la saggezza e l'esperienza delle persone anziane siano riconosciute nella Chiesa e nella società "

Per l'evangelizzazione- “Perché sacerdoti, religiosi e laici collaborino generosamente alla missione di evangelizzazione.”

e dei Vescovi -“Perché le persone consacrate testimonino la sapienza della povertà e siano segno di contraddizione in una società che vive dell'efficenza e del successo”.

Pregare PER IL CLERO
Cuore di Gesù, sostieni il Papa e i Vescovi perché ravvivino la fede dei tuoi fedeli.

.

     
Sito della Parrocchia " Beata Vergine Maria Madre della Chiesa" - Capoterra
redazione@madredellachiesa.org